Repubblica.itL'espressoKataweb.itQuotidiani EspressoMiojobSei di ModaUnd Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Il mio libroRADIO DEEJAYRadio Capitalm2oRepubblica TvDEEJAY TVTrovacinemaCASA&DESIGNXL Repubblica
Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger

Flickr Photos







Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz
More Photos
New Scarpe Ginnastica Da Ml574epg Unisex Balance Gunmetal Adulto

Archivi

venerdì, 22 marzo 2019

Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz Schmenger

Leggere i quotidiani, su carta e on line, in treno, dà il tempo per pensare. Al di là di qualsiasi considerazione politica, quel che è accaduto in questi giorni e quel che continua ad accadere in modi e gradi diversi, dà la misura del livello di sofferenza, infelicità, frustrazione del nostro presente. Se ci fosse Sam Peckinpah, saprebbe trarne uno dei suoi film tremendi e rivelatori. Se Stephen King non avesse fatto ritirare dalla circolazione "The Rage", potremmo rifletterci su. Mi è semplicemente tornato in mente un monologo, quello di "Ricorda con rabbia" di John Osborne, 1956. Ve lo posto. Non dico che dovrebbe muoverci a pietà, ma dovrebbe spingerci a pensare, tutto qui.

Chiunque non abbia mai visto morire un uomo, soffre di un grave caso di verginità. (Il suo buon umore di qualche momento prima sparisce e comincia a ricordare.) Per dodici mesi ho guardato mio padre che stava morendo, avevo dieci anni allora. Era tornato dalla guerra di Spagna. Laggiù qualche pio gentiluomo l’aveva conciato in tal modo che non gli restava più molto da vivere.

Tutti lo sapevano… anch’io lo sapevo. Ma, vedete, io ero l’unico a cui dispiaceva. La sua famiglia era imbarazzata da tutta la faccenda. Irritata e imbarazzata. Mia madre, poi, non era in grado di pensare che a una cosa sola: al fatto di essersi legata ad un uomo che sembrava trovarsi sempre dalla parte sbagliata, in tutto. Mia madre sarebbe stata lietissima di appartenere alle minoranze, purché fossero quelle che stanno in cima alla scala sociale. Noi tutti aspettavamo che morisse. La famiglia gli mandava un assegno ogni mese, e sperava che la facesse finita tranquillamente, senza volgarità e senza chiasso. Mia madre si limitava ad occuparsi di lui senza lagnarsi. Forse le faceva pena. Credo fosse capace di provare compassione.

(Con disperazione) Ma io ero l’unico a cui dispiacesse veramente! Ogni volta che mi sedevo sull’orlo del suo letto e lo ascoltavo parlare, certe volte mi leggeva dei libri, dovevo lottare per non piangere. E alla fine di quei dodici mesi ero diventato un veterano. L’unica persona che stava ad ascoltare quel pover’uomo fallito e febbricitante era un ragazzino spaventato. Passavo delle ore in quella piccola stanza da letto. Mi parlava ore ed ore, raccontando gli avanzi della sua povera vita a un ragazzo solitario e sgomento, che riusciva a capire appena la metà delle sue parole. E tutto quello che riusciva a percepire era la disperazione e l’amarezza, l’odore dolce e nauseante di un uomo che muore.

Capite, ho imparato molto giovane cosa vuol dire l’angoscia, il non poter far niente, l’essere senza aiuto. E non lo dimenticherò mai. Quando avevo dieci anni io sapevo dell’amore, del tradimento… e della morte, molto più di quanto voi ne saprete probabilmente in tutta la vostra vita!


Tags:

Scritto venerdì, 22 marzo 2019 alle 10:19 am nella categoria A T667191655 Jo A67203 shop Liu Spalla Borsa Online. Puoi seguire i commenti a questo post attraverso il feed RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, o fare un trackback dal tuo sito.

Scrivi un commento


Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz

 

marzo: 2019
Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz L M M G V S D
« feb   apr »
  1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

RSS

  • PAROLE. NOMI. STORIE DI ROM. aprile 8, 2019
    Parole. Nomi. Nomina nuda tenemus, come sempre. E dunque, parole. Quelle che il mio eteronimo ha già usato. Quelle che torno a usare oggi. Zingari. Zigauner. Allogeni. “Esistono comunità che non sono integrabili nella nostra società. Mi chiedo come sia possibile integrare chi considera pressoché lecito e non immorale il furto, il non lavoro perché devono ess […]
    lalipperini
  • HO I ROM SOTTO CASA MA IL MIO PROBLEMA NON SONO I ROM Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz aprile 4, 2019
    Premessa immediata: io i rom sotto casa li ho. Il mantra è questo, giusto? Zitto tu che non hai i rom sotto casa. Ripeto: io li ho, da moltissimi anni. E non sono i rom il mio problema. Anzi, i rom sono fra le non molte persone del quartiere con cui scambio saluti e chiacchiere [...] […]
    Und Malu schwarz black Kennel Ballerine Schuhmanufaktur Donna Schwarz lalipperini
  • ROBA DA COMUNISTI: LA SCURE SUL PREMIO TERZANI aprile 1, 2019
    Partiamo dal personale. Sono stata per la prima a Vicino/Lontano nel 2015. Era un giorno di maggio, Udine era accogliente e tiepida di primavera, dovevo condurre l'intervista pubblica allo scrittore che aveva ricevuto il Premio Terzani, David Van Reybrouck, autore di uno straordinario reportage, Congo, costatogli anni di lavoro e scritto come un romanzo […]
    lalipperini
  • QUASI DIECI ANNI DOPO marzo 29, 2019
    Oh, gli anniversari. Quanto sono ghiotti quando fanno cifra tonda. Quanto ci coinvolgono, sia pure per un giorno, quanto siamo disposti a commuoverci, ad andare indietro col pensiero a dieci anni fa, quando sotto i nostri piedi tremava il pavimento delle nostre case -perché noi si era a Roma, spaventati ma tranquilli (Suave, mari magno [...] […]
    lalipperini
  • IL VELENO E L'ANTIDOTO: A PROPOSITO DI PILLON marzo 26, 2019
    Prendiamola da lontano. Prendiamola da due commenti come questi: "Come lo Spirito Santo ha ispirato e ispira degni scrittori ( e scrittrici....), cosi satanasso ispira quelli che gli appartengono per seminare dubbi ed errori". "Per fortuna, lo scribacchino ha finito di far danni". Lo scribacchino è (era) Umberto Eco. I commenti vengono da […]
    lalipperini
  • STORIA DI COSTANTINO marzo 25, 2019
    E' successo sei giorni fa, e ovviamente a chi può mai interessare? E' successo che alla periferia di Roma, via Monti Tiburtini, le fiamme hanno illuminato la notte, altissime. La mattina dopo, l'area verde, e da anni abbandonata, di fronte all'ingresso della metropolitana, era recintata con un nastro giallo. Non c'era, seduto e trema […]
    lalipperini
  • RICORDANDO RICORDA CON RABBIA marzo 22, 2019
    Leggere i quotidiani, su carta e on line, in treno, dà il tempo per pensare. Al di là di qualsiasi considerazione politica, quel che è accaduto in questi giorni e quel che continua ad accadere in modi e gradi diversi, dà la misura del livello di sofferenza, infelicità, frustrazione del nostro presente. Se ci fosse [...] […]
    lalipperini
  • L'ACQUIESCENZA DEL COLLABORAZIONISTA: DUE PAROLE ANCORA SUL FANTASTICO marzo 19, 2019
    Qualche anno fa uno dei giudici di "Masterpiece", Andrea De Carlo, ha consigliato a un concorrente di non «andarsi a buttare nel fantasy». L'episodio è sembrato ribadire il vecchio pregiudizio dei letterati che considerano la narrativa fantastica come espediente per intrattenere il lettore e allontanarlo dalla realtà. La parola "fantasy […]
    lalipperini
  • "ESSI SONO BRUTTI E NON PIACCIONO A NOI": BREVE RIPASSO SUI GIOVANI marzo 18, 2019
    Con qualche stupore da parte mia, che non ritenevo di aver scritto altro che una considerazione semplice e fin banale, un mio status di Facebook è stato assai ripreso nei giorni scorsi. Questo:"Almeno un merito andrebbe ascritto, almeno uno, ai ragazzi che erano nelle piazze oggi e, sì, a Greta Thunberg: quello di aver fatto [...] […]
    lalipperini
  • I "DOVESONENTI" DI FACEBOOK marzo 13, 2019
    Tra le cose più detestabili dei social c'è il "dove sono?". Il "dove sono?" è generalmente riferito alle femministe, perché evidentemente la parola stessa si conficca nel gozzo di parecchi e parecchie. Ogni volta che avviene qualcosa di cui il dovesonente non ha completa cognizione, perché il solito algoritmo di Facebook non gli fa v […]
    lalipperini
 
 

Copyright © 1999-2007 Elemedia S.p.A. Tutti i diritti riservati
Gruppo Editoriale L’Espresso Spa - P.Iva 05703731009